Coronavirus: nel nuovo Dpcm di Conte, valido dal 4 maggio, ancora stop agli allenamenti del calcio

26 Aprile 2020
- Di
Arianna Botticelli
Tempo di lettura: 3 minuti

CONFERENZA STAMPA GIUSEPPE CONTE – Nella conferenza stampa serale il Premier Giuseppe Conte ha esposto i nuovi precetti del Decreto del Governo.

La conferenza stampa di Giuseppe Conte: il nuovo Decreto del Governo

"Adesso inizia per tutti la fase di convivenza con il virus. C’è il rischio che la curva epidemiga salga ancora. Sarà fondamentale il comportamento di ognuno di noi. Se vuoi bene all’Italia devi rispettare le distanze di sicurezza, anche con i parenti. Almeno un contagio su 4 dipende dalle relazioni avute con i parenti. La curva potrebbe andare fuori controllo. E ci saranno danni irreversibili per la nostra economia. Se ami l’Italia, ripeto, rispetta le distanze".

Ognuno deve fare la sua parte

"Stiamo tutti affrontando una prova molto dura, anche nei prossimi mesi sarà così. So che molti di voi vorrebbero un definitivo allentamento delle restrizioni. Potremmo sfogare la rabbia con politici, religioni e stampa. O invece possiamo pensare a cosa ciascuno di noi può fare per risollevare la comunità. Dipende da noi. Tutti indistintamente. Dobbiamo gettare le basi per la ripartenza del Paese. Il Governo farà la sua parte. Dobbiamo cambiare quelle cose che nel nostro Paese non vanno da tempo".

Ripartenza dal 4 maggio

"La ripartenza avrà inizio dal 4 maggio. Dovremo convivere con il virus. Verranno calmierati i prezzi delle mascherine. Ci sarà un prezzo giusto, equo per le mascherine, ma non la speculazione. E qui vorremmo eliminare totalmente l’IVA. In Europa è stato affermato un principio molto importante: una risposte comune e rapida. Dobbiamo essere orgogliosi dei risultati fin qui raggiunti, è stato il sistema Italia a lavorare come squadra. Questo Paese non riparte se non con le imprese. Abbiamo un nuovo decreto da 55 miliardi, con più fondi per gli autonomi. Chi ha già preso i 600 euro, potrebbe vederselo rinnovato con un semplice click. Ci saranno sostegni alle categorie più deboli, ai settori più colpiti come il turismo: noi non lasceremo gli operatori da noi. C’è tanto da fare. Parlo di una sorta di Decreto sblocca Paese. Ci stanno guardano a livello Internazionale. Ci guardano con ammirazione per molti dei provvedimenti sino a qui presi. Anche nella ripresa l’Italia potrà essere ammirata".

I precetti del nuovo decreto

"Rimarranno gli spostamenti all’interno della regione con le regole precedenti. Aggiungiamo le visite mirati a parenti e congiunti. Visite mirate ma sempre col divieto degli assembramenti. Non sono consentiti party privati. Restano vietati gli spostamenti tra Regioni: restano consentiti solo per esigenze lavorative, assoluta esigenza o motivi di salute. Consentiamo apertura di parchi, ville e giardini pubblici, sempre senza assembramenti. Consentiti i funerali, con un massimo di 15 persone presenti. Per le altre cerimonie religiose speriamo di allargare tutto nelle prossime settimane. Dal 4 maggio riapre tutto il settore della manifattura e del commercio all’ingrosso relativo. Tutto col presupposto che vengano rispettati i protocolli di sicurezza sul lavoro. Ogni azienda dovrà rispettare le regole per la tutela della salute di ognuno di noi".

Gli allenamenti dei professionisti

"L’attività sportiva è consentita rispettando la distanza di almeno 2 metri, di 1 metro se è quella motoria. Saranno consentiti gli allenamenti professionisti dal 4 maggio, a porte chiuse, sempre a livello individuale".

Le altre date per le riaperture

"Dal 18 maggio apertura al commercio all’ingrosso, per il commercio al dettaglio. Musei, mostre e biblioteche. E anche per allenamenti della squadre professioniste. Per il primo di giugno riapertura di parrucchieri, estetisti e bar".

Magiconapoli.it - Testata giornalistica - Tribunale di Roma - Iscrizione n.89/2022
chevron-down linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram