A Radio Punto Nuovo è intervenuto Ciro Verdoliva, direttore dell’Asl Napoli 1 che ha negato ad alcuni calciatori e all’allenatore dell’Empoli di essere allo stadio Maradona in occasione della gara dio Coppa Italia. “In merito alla messa in quarantena dei contatti stretti del caso positivo COVID-19 che ha riguardato nella giornata di ieri alcuni professionisti della Società Empoli FC evidenzio che il Dipartimento di Prevenzione dell’ASL Napoli 1Centro non ha fatto altro che applicare il protocollo sanitario previsto dalla circolare del Ministero della Salute n° 32850 del 12. 10. 2020; azione che condivido e sottoscrivo”.

Un protocollo che vedeva i tesserati della società toscana a contatto con un positivo 9 giorni prima. Oggi, quindi, termineranno il loro periodo di quarantena imposta dall’Asl. Da escludere ricorsi della società empolese, almeno per il momento, soprattutto dopo la recente sentenza del Coni che ha ristabilito la gerarchia delle leggi. In tal modo, è stato specificato, anche alla Figc, che le Regioni hanno poteri superiori alle regole anti Covid che si è dato il mondo del calcio.

Rispondi