Galli: “L’organico del Napoli è forte, credo che nessuno abbia l'attacco degli azzurri”

3 Marzo 2022
- Di
Redazione MagicoNapoli
Tempo di lettura: 2 minuti

NAPOLI MILAN GALLI - Si avvicina il giorno del big match tra le due capolista a pari merito: Napoli e Milan. Nel corso della sua intervista al Corriere dello Sport, Giovanni Galli, ex Napoli, ha parlato della rosa azzurra e della partita del 6 marzo. Importante anche l'apprezzamento per Meret, ritenuto tecnicamente superiore a Ospina

La lotta scudetto tra Napoli Milan e Inter vista da Galli

"Non so chi sia la favorita. So che l'Inter è la più forte ma sta attraversando un momento difficile. Ho la sensazione che il Milan, riflettendo sugli ultimi pareggi, si sia concentrato soprattutto sulle semifinali di Coppa Italia e abbia aspettato la partita di martedì convinto di dover puntare con decisione sul trofeo. Vincere la Coppa Italia e arrivare tra le prima quattro, e quindi in Champions, vorrebbe dire aver fatto comunque una stagione straordinaria. Poi, certo, per lo scudetto il Milan se la gioca ed è ancora tutto possibile. Come per il Napoli. Ognuna proverà ad avvicinarsi al traguardo ragionando partita per partita senza fare calcoli. Vale anche per domenica".

LEGGI ANCHE ---> Renica: “Ecco come Spalletti ha avuto la meglio sulla Lazio”

Napoli Milan, chi parte favorita per Galli

“L’organico del Napoli è forte, credo che nessuno abbia l'attacco degli azzurri in Serie A. Osimhen è un calciatore unico, e se vuole ne riparliamo, ma poi penso che a Zelinski, Elmas, Lozano, Politano, Insigne. Quanti ne sono? Spalletti, grazie alla profondità della rosa. è riuscito a sopperire alle tante assenze per infortuni, Covid, Coppa d’Africa. Quando avrà l’organico al completo, e ormai cis siamo, sono convonto che il Napoli potrà lottare fino all’ultima giornata per lo scudetto.” 

Ospina o Meret?

“Da anni sostengo che Meret, tecnicamente, sia il portiere italiano più forte in circolazione. Ha tantissime qualità. Se avesse la personalità e il carattere di Ospina, sarebbe tra i primi dieci al mondo”.

Cosa manca a Meret per essere il migliore

“Deve essere più sfrontato, deve essere più presente in area di rigore, deve imparare ad avere la cazzimma napoletana per imporsi. Il ruolo del portiere è delicato, non bastano le qualità tecniche. La storia di Ospina parla chiaro, spero che questi anni, vissuti tra campo e panchina, siano serviti a Meret per crescere e migliorare ancora. E mi auguro che dalla prossima stagione, magari senza avvertire più questa sensazione di precariato, possa esplodere definitivamente.”

Magiconapoli.it - Testata giornalistica - Tribunale di Roma - Iscrizione n.89/2022
chevron-down linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram