Juventus, Sarri snobba gli azzurri: "Napoli? Non me ne importa, vogliamo vincere"

16 Giugno 2020
- Di
Arianna Botticelli
magiconapoli-napoli-pallone-calcio-stadio
Tempo di lettura: 2 minuti

NAPOLI JUVENTUS SARRI - Per un tifoso napoletano una finale contro la Juventus non può mai essere una partita come le altre. Men che meno se sulla panchina bianconera siede l'uomo che più di tutti, due anni fa, andò vicino a spezzare l'egemonia juventina da condottiero del Napoli. Due anni dopo, dopo la vincente parentesi col Chelsea, Maurizio Sarri è andato a dirigere proprio la Juventus. Un tradimento che ai tifosi azzurri, ed anche allo stesso Presidente De Laurentiis, proprio non è andato giù. Il match di domani sembra però, almeno all'apparenza, sentito e speciale solo per i napoletani, almeno a giudicare dalle parole che Sarri ha pronunciato nella conferenza stampa odierna.

Sarri sull'incontrare il Napoli in finale

"Nel Napoli ho visto la volontà di andare inizialmente a prendere alti gli avversari e poi ha cercato di aspettarli più bassi. Vediamo che tipo di atteggiamento avranno domani, sono difficili da affrontare perché sono solidi quando si chiudono e veloci quando ripartono. Sanno esprimersi su alti livelli in certe partite. Mi chiedete se è la finale che avrei sognato? No, è la finale che avrei voluto perché sono in finale. Del resto non me ne importa niente, nemmeno del Napoli. Sono concentrato solo su di noi e spero con la giusta determinazione e cattiveria che mi sembra di avere".

Sarri gonfia il petto: le parole sul suo percorso alla Juventus

"In stagione al di là di qualche partita sbagliata il percorso è stato buono. I risultati per un allenatore al primo anno di Juventus sono i migliori degli ultimi 50 anni anche se nessuno se lo ricorda. Mi girano leggermente i coglioni quando dicono che in Italia non abbia vinto niente. Ho fatto 8 promozioni da una categoria all'altra e le ho fatte tutte sul campo. Non ho saltato una categoria. È un percorso difficile, sono contento di quello che ho fatto. Poi lavorando in un’ambiente in cui la vittoria è diventata quasi un’abitudine diventa più difficile. Però bisogna sempre ricordarsi che la vittoria è un evento eccezionale".

Sulla sconfitta della Juventus a Napoli in campionato

"Da Napoli sono rimaste brutte sensazioni, abbiamo fatto una brutta partita con errori che con una squadra di palleggiatori come la loro non possiamo commettere. Ci siamo allungati e allargati, senza compattezza e concedendo contropiedi troppo facili. Abbiamo preso gol da una ripartenza nostra. Sotto la linea della palla non eravamo messi nella maniera giusta. A questo tipo di squadre non si può concedere".

Sarri sul recupero di Higuain in vista di Napoli-Juventus

"Penso che Higuain non possa essere recuperato. Fino a ieri ha fatto lavoro completamente differenziato. Aspettiamo i verdetti per oggi ma non penso ci siano novità. Abbiamo avuto il rientro di Ramsey per 20 minuti coi compagni, ma ieri era il primo giorno. Vediamo se c'è disponibilità per un piccolo spezzone di partita, dipenderà dalla discussione di stasera col ragazzo e con i medici".

Magiconapoli.it - Testata giornalistica - Tribunale di Roma - Iscrizione n.89/2022
chevron-down linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram