Napoli, Insigne divorzia da Raiola: ora il futuro è sempre più all'ombra del Vesuvio

13 Aprile 2020
- Di
Arianna Botticelli
magiconapoli-napoli-insigne-lorenzo-conferenza-stampa-intervista
Tempo di lettura: 2 minuti

NAPOLI INSIGNE - La passionale e tormentata storia d'amore tra Lorenzo Insigne, uno dei figli prediletti della città, ed il Napoli, si arricchisce di una nuova puntata. Il Capitano azzurro ha infatti deciso, dopo appena 1 anno, di separarsi dal suo agente, quel Mino Raiola che da molti veniva definito come un possibile diavolo tentatore. Già, perchè sono stati in molti a credere che il legame con Raiola, noto ammazza-bandiere ed in ogni maestro nel garantire ai suoi assistiti trasferimenti milionari, potesse sancire l’addio dal Napoli. Invece è accaduto il contrario: Insigne ha detto addio a Mino. E gli scenari improvvisamente cambiano.

Insigne-Napoli, i tormenti di una storia d'amore

Intendiamoci, negare che ci siano dei piccoli problemi nel rapporto tra Insigne e la tifoseria azzurra, sarebbe ipocrita. A delle critiche talvolta ingiuste, nei primi tempi Insigne rispondeva al San Paolo in modo fin troppo plateale. Generando così un vortice di fischi che paradossalmente si concentravano più sulla "mancanza di rispetto" nei confronti del tifoso, che sullo scarso impegno eventualmente mostrato. Lorenzo nel tempo ha imparato a gestire il suo istinto, e per lo meno a non generare disapprovazione per le sue reazioni. Ci sono state poi altre tempeste nella vita azzurra di Insigne. Come la mancata convocazione con Ancelotti, e il famoso ammutinamento del 5 novembre. Quando l'intera squadra abbandonò il ritiro contravvenendo alle disposizioni societarie. Forse in quell'occasione Insigne, da Capitano, avrebbe dovuto essere più attivo per cercare di tamponare l’emorragia. Anzichè farsi capopopolo di una ribellione che non piacque affatto ai tifosi. L'amore ha però resistito anche a quell'episodio. E da lì in avanti, anche a suon di prestazioni e grazie ad un buon feeeling trovato col nuovo allenatore Gattuso, il numero 24 partenopeo ha ricucito tutte le ferite.

Insigne azzurro a vita, ora si puo'

Siamo arrivati fino ai giorni nostri. Il calcio giocato è fermo da un po', ma i tifosi azzurri hanno ancora negli occhi i gol contro la Lazio in Coppa Italia e soprattutto la rete, non la prima della sua carriera, contro la Juventus. Insigne sembra essersi ripreso defintivamente l'amore del suo pubblico. E la scelta di separarsi da un agente che dà il meglio di sè nel portare a termini trasferimenti clamorosi, appare agli occhi dei più come una volontà di restare. Mettendo innanzi a tutto e tutti l'amore per questi colori. Che i tifosi napoletani non vedono l'ora di ricambiare, applaudendo ed osannando ancora una volta il piccolo genio di Frattamaggiore.

Magiconapoli.it - Testata giornalistica - Tribunale di Roma - Iscrizione n.89/2022
chevron-down linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram